Proteggi e gestisci correttamente la tua reputazione digitale - Studio Nassisi Udine, cell. 347.4795351

Vai ai contenuti

Menu principale:

Proteggi e gestisci correttamente la tua reputazione digitale

Avere una buona reputazione online è essenziale non solo per la grande azienda ma per chiunque

La “web reputation” o “reputazione digitale” o “reputazione online” consiste nell’attività di raccolta, analisi e monitoraggio di tutto ciò che viene scritto e pubblicato in Rete dagli utenti riguardo ad una persona, un’azienda, un marchio, un professionista o uno specifico prodotto/servizio.

Consente di capire, in pratica, qual è l’opinione prevalente che gli internauti hanno su uno specifico argomento ed oggi, con la sempre più capillare diffusione di Internet, riveste un’importanza tutt’altro che marginale per chiunque. Spesso, infatti, la reputazione digitale di un’azienda o un prodotto può condizionare, in maniera anche significativa, le scelte degli utenti.

La mia azienda di consulenza informatica - Studio Nassisi® - in via Monte Grappa 49 a Udine è specializzata nell’attività di analisi, monitoraggio e gestione di contenuti legati alla web reputation di persone fisiche, aziende, marchi, prodotti, servizi e professionisti. Può aiutarti a tenere sotto controllo e, nei limiti del possibile, a gestire e rimuovere contenuti indesiderati, diffamatori della tua persona, della tua azienda, dei prodotti e servizi che proponi e che sono stati pubblicati, magari da terzi, con lo scopo dichiarato di danneggiarti o farti anche “solo” un dispetto.

Perchè il tema della web reputation è così importante?
Tutti i più recenti studi condotti sull’uso che facciamo oggi della Rete sono concordi nell’affermare che chiunque disponga di una connessione ad Internet, nel momento in cui è interessato ad un qualsiasi prodotto, servizio, argomento o persona, la prima cosa che fa è cercare su Internet il tema di suo interesse, con lo scopo di acquisire informazioni ed opinioni a riguardo. È una cosa che facciamo ormai tutti, praticamente in modo automatico e, direi, quasi inconsapevole! Anche tu lo avrai fatto decine, se non centinaia, di volte. Ci hai mai pensato?

Come puoi facilmente immaginare, l'ovvia conseguenza di questa nostra abitudine moderna, può essere solo una: l’opinione che un utente del web si farà su una determinata persona, un personaggio famoso, un’azienda, un prodotto, un servizio, un professionista, sarà verosimilmente influenzata (sia in positivo che in negativo), da quello che leggerà in Rete.

Vuoi un esempio pratico di quanto hai appena letto? Eccolo! Andresti a mangiare in un ristorante per il quale l’80% delle recensioni che hai letto sono negative? Probabilmente no! Magari sarà il ristorante migliore del mondo, ma le opinioni degli utenti possono arrivare a distorcere la realtà dei fatti fino al punto di condizionare le tue scelte e scoraggiarti dal recarti presso quel particolare ristorante.

Ma il tema della reputazione digitale (o web reputation) non riguarda solo le aziende!
E' un argomento delicatissimo anche per le persone fisiche ed i professionisti!

Prendersi cura della propria reputazione digitale è essenziale anche per le persone fisiche

Opinioni negative sul nostro conto, commenti diffamatori, critiche immotivate, informazioni personali imbarazzanti pubblicate online da noi stessi (magari solo per gioco tanto tempo fa) o da altre persone, possono intaccare la nostra reputazione online e “colpire” la nostra immagine con importanti ripercussioni anche nella nostra vita reale, sia in ambito familiare che lavorativo.

Tutto questo ti sembra inverosimile? Allora continua a leggere questo scritto e ti renderai conto di cosa voglio dire esattamente. Faccio subito un altro esempio pratico: supponiamo che tu abbia presentato un tuo curriculum presso una qualsiasi azienda e che sia arrivato il momento di affrontare un colloquio con il tuo potenziale datore di lavoro.

Pensi veramente che la persona che incontrerai non abbia già fatto una ricerca preliminare su di te online? Sei veramente convinto che non abbia già cercato informazioni sul tuo conto? Che non abbia setacciato i vari social alla ricerca di notizie, foto, immagini, post discutibili (o anche solo imbarazzanti) che possano riguardare la tua persona? Ebbene… stai pur certo che è la prima cosa che ha fatto un istante dopo aver iniziato a pensare che potresti essere la persona adatta per un certo incarico all’interno della sua azienda.

D’altra parte, le informazioni sono lì, in Rete, disponibili 24 ore su 24 e liberamente accessibili. E in più sono a costo zero! Tu al suo posto non faresti lo stesso?

Anche nel caso in cui un lavoro lo hai già, comunque, la diffusione in Rete di una notizia diffamatoria sul tuo conto (vera o falsa che sia) può avere ripercussioni sulla tua vita sociale, lavorativa, familiare e personale. Non lo credi possibile? Sfortunatamente, invece, è così e, come spesso dico ai miei allievi durante i corsi di sicurezza informatica che faccio o ai vari convegni a cui sono invitato in qualità di relatore sul tema, è il “prezzo che paghiamo” per l’uso di Internet e delle nuove tecnologie in generale.

La maggior parte delle persone, purtroppo, non si cura del fatto che ciò che viene pubblicato in Rete “è per sempre” e che se anche una notizia, un’immagine o un video che ti riguarda viene rimossa non potrai mai avere alcuna certezza in tal senso, nè potrai mai sapere quale uso hanno fatto gli utenti di quel contenuto. Figuriamoci, quindi, quali potrebbero essere le conseguenze nel medio/lungo termine se contenuti diffamatori o imbarazzanti come quelli di cui scrivo in questa pagina non vengano gestiti correttamente (e quanto prima) da un professionista di web reputation.

Mi capita frequentemente, purtroppo, di dover intervenire in situazioni anche molto delicate di persone che si trovano in circostanze di grave imbarazzo, in ambito lavorativo e/o familiare, a causa di un post, un’immagine o un video pubblicato, magari anni prima, probabilmente con troppa leggerezza. O casi di persone fortemente danneggiate dalla divulgazione di informazioni personali e riservate effettuata da terzi per rancore, invidia, vendetta personale. Non mancano, infine, casi in cui gli attori coinvolti sono poco più che ragazzini o ragazzine e qui, ti posso garantire, che la situazione si complica immensamente anche perchè molto spesso, in questi casi, si sconfina nel cyberbullismo.

Questi sono solo alcuni dei motivi per cui la corretta gestione della propria reputazione digitale, o web reputation, è ormai essenziale per chiunque!

Competitor scorretti possono pubblicare recensioni ed informazioni diffamamnti al fine di danneggiare la tua attività

Molti utenti sono convinti che il tema della reputazione online riguardi solo le grandi aziende o i marchi più noti e blasonati o, ancora, i personaggi famosi di cui leggiamo ogni giorno in Rete. In realtà, in un contesto competitivo sempre più acceso e dinamico, anche le piccole e piccolissime aziende ed i professionisti non possono più permettersi il lusso di trascurare ciò che gli utenti scrivono sul loro conto o sui prodotti e servizi che offrono. Questo perchè la “cassa di risonanza” offerta dal web è enorme e può creare, anche in tempi rapidissimi, effetti devastanti. Ciò è particolarmente vero in tutti quei casi in cui un'azienda venga "presa di mira", suo malgrado, da competitor scorretti e di basso livello che tentino, attraverso vari canali, di rovinarne la reputazione al fine di screditarla agli occhi degli altri utenti.

In altre parole, fare bene il proprio lavoro, oggi, non basta più!
Ci sono ulteriori elementi di complessità di cui occorre tener conto
 
Non è raro, infatti, che soprattutto per alcune categorie di beni e servizi, alcuni concorrenti di basso profilo, non potendo evidentemente competere sul piano tecnico e/o professionale con gli altri operatori dello stesso settore, cerchino intenzionalmente di screditare la concorrenza, pubblicando (o facendo pubblicare) recensioni e commenti negativi al solo fine di danneggiare l’immagine e la reputazione altrui. C’è addirittura chi, senza alcuno scrupolo, acquista sul web recensioni e commenti negativi per colpire “digitalmente” uno o più competitor o acquista, in vario modo, recensioni positive per se stesso ed i propri prodotti e servizi.

Quello delle recensioni fasulle è un argomento molto articolato e complesso e meriterebbe, da solo, uno specifico approfondimento. In questa sede mi limiterò a fornirti alcuni spunti di riflessione. Capita molto spesso, infatti, che dei clienti mi chiedano se esiste un modo per capire se una recensione pubblicata sul web sia vera o meno. In effetti, capirlo è un compito molto arduo ed anche il professionista esperto può, talvolta, trovarsi in difficoltà poiché i parametri da analizzare sono moltissimi e non esiste una scienza esatta che ci consenta di distinguere i contenuti veri da quelli fasulli… magari ci fosse! Non esisterebbero più le fake news dalle quali, invece, siamo continuamente “bombardati”.

In linea di principio, recensioni accurate, relativamente lunghe e dettagliate, con specifico riferimento all’azienda o al professionista che ha erogato un servizio o fornito un prodotto sono mediamente più attendibili rispetto a recensioni generiche, senza riferimenti specifici a persone, prodotti o servizi. Quest’ultimo tipo di recensioni sono solitamente più a rischio di “copia/incolla” e, statisticamente, è più facile che siano fasulle.

Cerco di spiegare meglio questo concetto: chi compra recensioni fasulle, solitamente, si rivolge a soggetti che scrivono sul web per “lavoro”. Dovendo scrivere (positivamente o negativamente) su tante aziende, prodotti, persone, o servizi non possono perdere tempo a personalizzare ogni recensione, né tantomeno si preoccupano del loro grado di accuratezza. Quindi cosa fanno? Dall’alto della loro intelligenza, confezionano un certo numero di recensioni generiche, che possono andar bene per più “clienti tipo” e poi, con un rapido copia/incolla pubblicano le loro “opere” sul web. I più “furbi” cambiano qua e là qualche parola sperando che l’utente più attento non si accorga subito che dietro a più scritti c’è sempre la stessa mano.

Un altro aspetto che può assumere una certa rilevanza nell'identificare l'azienda che compra le proprie recensioni positive è rappresentato dal rapporto tra il numero di recensioni pubblicate su quella specifica azienda e il numero medio di commenti che hanno ottenuto i suoi diretti competitor.

Ma cosa significa esattamente? In pratica, se nei risultati di una qualsiasi ricerca ti trovi di fronte ad una sola azienda con un numero sproporzionato di recensioni rispetto alla media delle opinioni che hanno ricevuto i suoi diretti concorrenti, il sospetto che qualcosa non quadri è lecito o, quanto meno, verosimile. Nello specifico, potrebbe voler significare due cose: o questa azienda eccelle nel proprio lavoro (circostanza possibile, ma statisticamente improbabile, soprattutto se parliamo di beni generici e/o servizi comuni), o buona parte delle tante recensioni che leggi hanno “un’altra” provenienza! Ovviamente, non serve sottolineare che questo tipo di analisi, quando applicabile, deve tener conto anche degli anni di presenza online delle aziende prese in considerazione.

Presta attenzione alle recensioni fasulle che possono influenzare le tue scelte e opinioni

D'altra parte, ci sono tanti modi per “comprare” recensioni e non bisogna necessariamente rivolgersi a terzi. Se ci pensi bene, basta promettere ed applicare ad un cliente reale un forte sconto sul prodotto o servizio reso in cambio di un suo commento, per veder salire rapidamente il numero di recensioni a proprio favore. Peccato che così facendo, tecnicamente, stai “comprando” la recensione del tuo cliente che, ovviamente, non potrà che essere positiva e lusinghiera… altrimenti… niente sconto! Potrei fare una lista molto lunga di gente che “lavora” così, nel mio settore come in altri.

Sorpreso di quanto stai leggendo? Purtroppo è la pura verità! Ebbene sì, sul web si può comprare (quasi) tutto, nel vero senso della parola. Prova a fare una veloce ricerca su Google e capirai subito di cosa sto parlando. È, in pratica, lo stesso principio di chi “compra” i like su Facebook o i follower su Twitter o Instagram per far credere alle persone di essere super “bravo” e/o “seguito” su Internet.

Non serve sottolineare che, chi ha bisogno di ricorrere a questi trucchi per emergere, chiaramente, è solo un “poveraccio” ma può, di fatto, creare problemi anche molto seri alle altre realtà economiche, visto che il suo intento è quello di distorcere la realtà a proprio vantaggio ed ingannare tutto il popolo del web. Anche per questi motivi è essenziale, oggi più che mai, adottare una efficace ed efficiente strategia di analisi e monitoraggio dei contenuti pubblicati sul web e che riguardano la nostra persona o la nostra attività.

Ovviamente non sto dicendo che il successo o il fallimento di un’azienda, un prodotto o servizio dipenda esclusivamente dalla sua reputazione digitale! Ci mancherebbe altro! Nè tantomeno bisogna cadere nella "psicosi da web reputation". Personalmente, sono sempre stato dell’idea che l’intelligenza degli internauti non deve mai essere sottovalutata e, per fortuna, la maggior parte delle persone ha un proprio pensiero critico. Di conseguenza, decide come comportarsi o quale azienda scegliere per le proprie necessità soprattutto in base alla propria idea e/o percezione personale. Sarebbe un bel problema se così non fosse! Dico solo che oggi bisogna prestare molta più attenzione alla propria identità digitale rispetto al passato.

Il mondo della "web reputation" è estremamente complesso e le variabili in gioco sono moltissime. Ad esempio, sapevi che esistono delle situazioni in cui le recensioni negative vengono utilizzate come strumento di ricatto nei confronti del venditore o fornitore di un servizio? Ebbene si, capita anche questo! Utenti che senza alcun rispetto per il lavoro altrui, "minacciano" il venditore di lasciare sul suo conto recensioni negative al fine di ottenere un qualche vantaggio (solitamente di tipo economico) o utilizzano questo strumento per pressare il fornitore con richieste assurde o irragionevoli.

In ogni caso, per quanto riguarda il reale valore da attribuire ad una qualsiasi recensione, sia essa positiva o negativa, il mio consiglio è sempre quello di provare di persona un prodotto o servizio per farsi una propria idea sull'azienda che lo propone, tenendo bene a mente che solo il nullafacente non commette errori!

Se ti interessa approfondire ulteriormente l’argomento contattami per richiedere una consulenza personalizzata.
 
Studio Nassisi - Copyright 2010-2020. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu