Come evitare l'installazione di toolbar e programmi inutili - News, alert e approfondimenti dal mondo dell'informatica - Studio Nassisi Udine, cell. 347.4795351

Vai ai contenuti

Menu principale:

Come evitare l'installazione di toolbar e programmi inutili

Pubblicato da in Tips & Tricks ·
Tags: programmiinutilitoolbarinstallazionesoftwaredownloader

Con il normale utilizzo dei nostri computer è estremamente frequente, dopo poco tempo, ritrovarsi con un sistema affollato di programmi indesiderati e toolbar inutili.
Una "moda" che sta prendendo sempre più piede negli ultimi tempi è quella che vede l'inserimento, direttamente nel file d'installazione di un programma, di componenti superflui, assolutamente non necessari per il funzionamento dell'applicazione alla quale si è interessati.
Quando si scaricano e si installano sul sistema dei nuovi software, quindi, è importantissimo verificare che insieme ad essi non venga previsto il caricamento di componenti aggiuntivi superflui e, talvolta, addirittura pericolosi.


Non c'è nulla di male, ovviamente, nell'inserire software aggiuntivi (spesso legati a meccanismi di sponsorizzazione) nelle applicazioni che vengono distribuite a titolo gratuito: l'importante è che la presenza di tali strumenti venga chiaramente evidenziata in fase d'installazione mantenendo un atteggiamento il più possibile trasparente e leale nei confronti dell'utenza. L'utente deve essere messo in condizione di decidere, autonomamente, se concedere l'installazione della "sponsorizzazione" oppure negarla, ove possibile.


Il problema, però, è che ultimamente in molte procedure d'installazione, si cerca di mascherare il più possibile il caricamento di programmi indesiderati (in inglese sono chiamati PUP ovvero Potentially unwanted programs) in modo tale da trarre in inganno gli utenti più frettolosi.
Come regola generale, è quindi sempre bene riporre la massima attenzione sulle finestre che vengono esposte quando si avvia l'installazione di un qualunque software scaricato da Internet.


In alcune circostanze, infatti, l'utente potrebbe non riconoscere immediatamente quali finestre della procedura d'installazione si riferiscono al setup del programma vero e proprio e quali al caricamento sul sistema di componenti pubblicitari superflui.
Pulsanti come I agree (sono d'accordo) ed Accept (accetto) vengono generalmente mostrati, all'avvio dell'installazione di un programma, per fare in modo che l'utente accetti o, viceversa, rigetti (e in questo caso l'installazione viene interrotta) le condizioni illustrate nella licenza d'uso. Sempre più di frequente viene utilizzata la stessa formula anche per consentire o negare l'installazione di componenti pubblicitari non strettamente necessari per il funzionamento del programma. In questi casi, cliccando su Cancel o Decline, non si autorizzerà il caricamento, sul sistema in uso, del componente pubblicitario e l'installazione del programma continuerà regolarmente.


Il mio suggerimento è, quindi, quello di verificare con attenzione a che cosa si riferiscono i pulsanti I agree od Accept di volta in volta visualizzati nelle varie schermate di installazione di un programma.
Un altro trucco per evitare l'installazione di componenti superflui sul proprio sistema consiste nell'optare sempre per l'installazione personalizzata, dove prevista. Scegliendo l'installazione completa o tipica, la procedura di setup spesso carica anche un set di applicazioni totalmente superflue, senza visualizzare alcuna richiesta.
Massima attenzione dovrebbe essere riposta nel momento in cui vengano visualizzate delle caselle di scelta: spesso è necessario disattivarne una per poter confermare la volontà di non procedere al caricamento dei componenti di sponsorizzazione integrati nella procedura di setup.
Tenete presente che, talvolta, il caricamento di componenti pubblicitari superflui può avvenire anche a fine installazione mediante l'esposizione di apposite finestre di dialogo.

Attenzione, inoltre, ai cosiddetti "downloader"!
Alcuni siti Internet che offrono il download di software, purtroppo, hanno da tempo deciso di monetizzare ulteriormente la propria attività non proponendo più i file d'installazione originali dei vari programmi freeware, shareware e software liberi, consentendone lo scaricamento solo a condizione di installare sul proprio computer un downloader che, di fatto, non porta nessun vantaggio per l'utente.


Il downloader è semplicemente un eseguibile che, prima di far scaricare il programma d'interesse per l'utente, obbliga al prelievo (o comunque alla valutazione) di programmi assolutamente superflui e toolbar inutili.
Questo comportamento, purtroppo, viene tenuto da un sempre maggior numero di siti web che propongono il download di software. Il caso più eclatante a livello internazionale è quello di Sourceforge, ma non si contano le realtà, anche italiane, che inducono gli utenti al download di programmi superflui, inutili o addirittura pericolosi.

Riassumo di seguito alcune regole da tenere a mente quando si procede al download di programmi da internet:

  • Scaricare i software solo dai siti web ufficiali che riportano i link offerti dai rispettivi sviluppatori. Diffidate da siti web poco noti o da quei siti che utilizzano downloader.

  • Prima di eseguire qualsiasi software, effettuare una scansione con VirusTotal. Il servizio, di proprietà di Google, è raggiungibile cliccando qui. Consente di sottoporre a scansione qualsiasi eseguibile con oltre 40 motori antivirus ed antimalware. Dopo aver scaricato un programma, quindi, suggerisco di inviarlo a VirusTotal: nel caso in cui un eseguibile contenesse componenti superflui o pericolosi, qualche motore antivirus lo indicherà sicuramente come "PUP" (Potentially unwanted program), come "Adware" o come "Spyware".

  • Dopo aver avviato la procedura d'installazione di un programma, non fate clic rapidamente sui vari pulsanti Avanti / Next, ma soffermatevi per studiare il contenuto di ciascuna finestra. Non sarebbe male dare un'occhiata anche alle condizioni della licenza d'uso (che solitamente non legge nessuno...) per controllare che non sia prevista l'installazione di componenti adware o, peggio, assimilabili a spyware.

  • Optate sempre per l'installazione personalizzata.

  • Disattivare tutte le caselle che provocano l'installazione dei programmi indesiderati e delle barre degli strumenti inutili.


Un'ultima cosa... se sei arrivato a leggere questo scritto fino in fondo è perchè, probabilmente, lo hai trovato interessante. Condividilo allora sui tuoi social network preferiti o invia il link di questa pagina ai tuoi amici.

Impiego molte ore del mio tempo nella stesura di questi articoli che poi pubblico, gratuitamente e a disposizione di tutti, sul mio sito. Con un semplice "Mi piace" su Facebook o un "+1" su Google+ mi darai la possibilità di far conoscere il mio lavoro anche ad altre persone che potrebbero averne bisogno.

A te non costa nulla e per me è motivo di grande soddisfazione!
Ti ringrazio per l'apprezzamento.



Studio Nassisi - Copyright 2010-2020. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu